Recensioni certificate per valutare le onoranze funebri, l’organizzazione di funerali e i servizi di cremazione, inumazione e tumulazione

Prima di dedicarci a nuovi articoli abbiamo deciso di riprendere un argomento a noi molto caro e utile per poter valutare come operano le onoranze funebri.

Leggi tutto


Come scegliere un’impresa di pompe funebri a cui affidare un funerale, oppure una cremazione, inumazione, tumulazione?

Se c’è un servizio che non può essere sbagliato e presentare sbavature, è proprio quello erogato dalle imprese di pompe funebri. Nessun cliente, a cui è morto un familiare, accetta infatti giustificazioni se qualcosa non è andato come da programma. E giustamente. Leggi tutto


Il catering funebre: i perché di un fenomeno made in USA

“E fe erano molti i fepolcri de’ santi defonti da onorarli in quefta maniera, portava in giro quefto medesimo vino che dovette fervire per tutto: il quale non folo molto inacquato ma anco tepido fuor di modo (…) fi accoftumò di portare ai fepolcri de’ Martiri il petto pieno di frutti a affai più mondi”.

Un italiano arcaico, lontano da quello odierno, ma senza dubbio chiaro nel significato. Così Sant’Agostino, circa 400 anni dopo la nascita di Cristo, raccontava nelle sue Confessioni cosa avveniva secoli fa durante e dopo un rito funebre. Vino da servire, frutta da gustare…e molto altro. Quasi due millenni dopo, Aldo Fabrizi, nella sua poesia “L’invito”, raccontava invece, col suo classico accento puramente romano, “La tradizione vo’ che ‘sto banchetto, preparato durante l’agonia, se faccia, cor prete er chierichetto. E al momento in cui la pasta viene servita, si brinda alla salute della salma”. E ancora, abbandonando l’Italia, la famosa Soul Cake, la Torta dell’Anima, dolce preparato in tutto il Nord Europa in occasione di funerali e, in seguito, anche famosa canzone di Sting. E come dimenticare gli infiniti film, sia commedie sia drammatici, in cui famosi attori di Hollywood si presentano e raccontano in presenza di un defunto della famiglia?

Insomma, in buona parte del mondo un funerale è visto come occasione per socializzare, “festeggiando” il passaggio di un defunto ad una vita “diversa”, migliore. In America, ad esempio, ancora oggi parenti ed amici si presentano alla veglia con vassoi di torte salate, insalate e pasticci freddi, pronti ad allestire un vero e proprio buffet in grande stile. Tornando su personaggi storici, nell’antica Grecia venivano addirittura istituiti dei giochi funebri in onore del defunto (da Achille con Patroclo o a quelli di Enea per il padre raccontati da Virgilio).

In Italia oggigiorno la questione è ben diversa. Un funerale è visto come il tempo del dolore, della sofferenza, del distacco. Sentimenti che fanno indubbiamente parte di un momento difficile e particolare, ma che non lasciano probabilmente spazio ad una modalità di ricordo del defunto più completa e capace di cogliere appieno il passaggio ad una vita nuova, spesso definita come “migliore”.

Con l’idea di innovazione che da sempre ci contraddistingue, e col fine di proporre un’offerta completa ed a 360 gradi, Outlet del Funerale integra pertanto nel proprio catalogo anche l’opportunità di allestire un servizio catering. La proposta, una particolare opportunità di accoglienza ed unione per familiari, parenti ed amici, la qualità, certificata OdF, ed il prezzo, estremamente vantaggioso, lo rendono un servizio sempre più richiesto da chi ricerca un momento cordiale e raffinato.

outlet del funerale: il catering funebre
outlet del funerale: il catering funebre

Con Megabus giri l’Italia a partire da 1 Euro: qualità e bassi prezzi possono coincidere

Aprile 2006. USA. Stagecoach, uno tra i più noti ed importanti brand mondiali di trasporto via pullman, presenta una nuovo brand volto a collegare Chicago con alcune tra le più importanti città statunitensi, tra cui Indianapolis e Detroit. Il nome della neonata startup, ambizioso, è Megabus. La strategia, chiara, semplice, si rivela anche decisamente efficace: biglietti a basso prezzo e acquistabili solo online, ma ottima qualità del servizio.

Giugno 2015. Italia. Megabus, ormai diventato un vero e proprio colosso internazionale, approda finalmente in Italia. I prezzi? Inimmaginabili. La promessa è collegare le principali mete tricolori a partire da 1 euro, più 50 centesimi di commissioni per la prenotazione. Insomma, il prezzo di un caffè o poco più. Roma, Milano, Firenze, Venezia, Napoli, Torino, Bologna, Verona, Padova, Siena, Genova, La Spezia e Pisa. Le più famose mete turistiche e commerciali italiane sono quindi tutte raggiungibili. Qualche esempio? Torino-Genova in 3 ore e mezza, stessa tempistica per Milano-Padova e Milano-Genova, mentre per collegare il capoluogo lombardo con la Capitale la tempistica logicamente sale fino a circa 9 ore. Non proprio tempi da Formula 1, ma, con viaggi il più delle volte notturne, ci si può facilmente passar sopra, soprattutto considerato il prezzo. Dopo qualche mese di fisiologico assestamento, ora Megabus sembra aver trovato la ricetta per conquistare anche il nostro Paese: i prezzi medi si sono un filo alzati, rimanendo comunque sempre piuttosto bassi, andando da un minimo di 5 ad un massimo di 9 euro.

La domanda sorge però spontanea: e la qualità? Niente da temere: bus il più delle volte GT Turismo a 2 piani, connessione Wi-Fi gratuita (fino ai 300 Mb, poi si passa a velocità ridotta), prese elettriche per caricare i propri device elettronici, toilette ed aria condizionata. Insomma, un pullman di tutto rispetto, col meglio della tecnologia. Seconda domanda: e il personale? Anche qui nulla da eccepire: la nazionalità è in larga parte italiana, i contratti a tempo indeterminato.

Prezzi più bassi della norma non sono quindi sempre sinonimo di bassa qualità. Tuttavia, solo un’ottima organizzazione in ogni sfera aziendale e la capacità di massimizzare gli utili, avvalendosi pertanto di alcuni tra i più importanti esperti del settore, possono portare a risultati sempre più apprezzati dai clienti.

Questa è la strada che anche noi di Outlet del Funerale abbiamo scelto di portare avanti e che ci ha permesso, dal 2006 ad oggi, di occuparci di funerali in tre regioni, di diventare un caso italiano ed estero e di raccogliere commenti sempre più positivi sul nostro operato, proponendo funerali completi a partire dall’incredibile cifra di 1.099 euro, sino ai più raffinati a 6.999.

Outlet del Funerale: dove “outlet non vuol dire mancanza di qualità”.