Speculazione edilizia al cimitero: il settore dei morti fa gola ai vivi

La realizzazione e l’assegnazione di loculi cimiteriali sarebbe stata affidata attraverso metodologie illegittime

L’abbiamo ripetuto più volte che nel regno dei defunti, in particolar modo nell’ambito di funerali e cimiteri, circolano flussi di denaro fuori misura e vengono mantenuti comportamenti quantomeno discutibili.

Prova ne è il grido di protesta di sette consiglieri comunali di Ravanusa, in provincia di Agrigento, che accusano l’istituzione municipale di aver portato a termine un’operazione di speculazione edilizia nel cimitero comunale, adducendo a illeciti, al fatto che non sia stato stilato alcun bando pubblico per la costruzione di circa 500 loculi cimiteriali (suddivisi in 4 lotti) e che le associazioni, a cui sono stati affidati i lavori e delle quali si conoscono soltanto i legali rappresentanti, annovererebbero legami di amicizia e di parentela con i componenti dell’amministrazione comunale.

1 milione di euro per l’operazione al cimitero

E non si tratta di bruscolini: l’affare è nell’ordine del milione di euro.

«La graduatoria e gli atti conseguenti – hanno chiosato i consiglieri del comune – sarebbero assolutamente illegittimi, motivo per cui, con apposita interrogazione è stata chiesta la revoca degli atti in autotutela, al fine di evitare danni economici e reputazionali a carico» dell’ente.

Serve trasparenza nei servizi funebri

Nel nostro settore qualcosa, appunto, non va. Appalti pubblici per cimiteri ma anche le condotte della maggior parte delle pompe funebri sollevano molti dubbi… C’è bisogno di trasparenza. In questo senso Odf – Outlet del funerale è la prima impresa funebre che ha intrapreso una personale battaglia con il cartello costituito dalle altre agenzie, lavorando alla luce del sole ed esponendo gli importi di funerale, inumazioni, cremazioni e di tutti quei servizi qualitativi connessi al defunto. E rigorosamente senza imbrogli. Date un’occhiata: www.outletdelfunerale.it

FOTO FUNERALE E ILLECITI 2

Scritto da