Lo scandalo dell’ambulanza della morte per procacciare funerali

Punture letali ai malati in cambio della “stecca” dalle imprese di pompe funebri

Non credete sia possibile che vengano uccise persone al fine di riuscire a offrire ai loro familiari i servizi a pagamento delle onoranze funebri, come la vestizione della salma e il funerale?

Il trasferimento in ambulanza dei malati terminali dall’ospedale a casa, per passare le ultime ore di vita tra l’affetto dei propri cari, si sarebbe trasformato in un viaggio della morte. Nel mese di dicembre, la stampa nazionale ha portato alla ribalta una vicenda ignobile: un barelliere di Paternò (Catania) è stato accusato della morte di tre persone. A quest’ultimo viene contestata l’accusa di omicidio volontario nell’inchiesta denominata “Ambulanza della morte”. Un’altra vicenda di mazzette per procacciare dei funerali.

Come morivano i malati?

In pratica l’uomo, nello spostamento in ambulanza del malato grave verso casa, poiché in ospedale non si sarebbe più potuto far nulla, avrebbe iniettato aria con l’ago canula nella vena di quest’ultimo, provocando un’embolia gassosa e quindi causandone la morte. Ai parenti, già consci della situazione precaria nella quale versava il proprio caro, non restava altro che costatarne il decesso naturale e cercare un’impresa di pompe funebri che veniva suggerita dal trasportatore.

Il sistema illecito che parte dal barelliere e finisce al funerale

Infatti a quel punto il vile barelliere, sfruttando lo stato psicologico della famiglia e il lutto nel quale era piombata, avrebbe proposto i nomi di imprese funebri compiacenti, che per ogni morto si presume riconoscessero circa 300 euro.

Con questo meccanismo le agenzie funebri avrebbero guadagnato illecitamente somme di migliaia di euro, con la vestizione della salma e il suo funerale.

Il sistema dell’“Ambulanza della Morte”, nel quale si suppone sia coinvolta la criminalità organizzata, parrebbe rodato, tant’è che nelle indagini condotte dai militari dell’arma sono coinvolti altri due barellieri, indagati per episodi analoghi verificatisi su altri mezzi adibiti al trasporto malati.

Non c’è da escludere che questo modus operandi, in cui barellieri con pelo sullo stomaco e pompe funebri spregiudicate che ricercano costantemente salme per incassare i soldi dei funerali, non sia stato esportato altrove.

Anche a Milano…

Più di una volta, anche a Milano, molte (e note) imprese funebri, tutt’ora fiorentemente operanti, sono state pizzicate (e condannate) perché pagavano mazzette per procacciare in modo illegale funerali all’interno delle strutture sanitarie. Tale prassi, ancora adesso, continua nell’indifferenza generale, consentendo attività speculativa sui famigliari di un defunto.

Ora attenti anche ai trasporti!

Oggi più che mai, soprattutto quando c’è un morto e un funerale da fare, state molto attenti perché il rischio paradossale è quello che anche i superstiti rischiano di lasciarci le penne…

Scritto da