Attenzione a non pagare servizi aggiuntivi non richiesti: l’incassamento anticipato

outlet del funerale; Daniele Angelo Contessi Presidente e Dottore Commericialista

outlet del funerale; Daniele Angelo Contessi Presidente e Dottore Commericialista

Molto spesso, al fine di cercare di giustificare l’alto prezzo dei funerali, alcune imprese funebri aggiungono al funerale dei servizi di cui si potrebbe tranquillamente fare a meno, facendo lievitare il prezzo del preventivo del funerale.

Un tipico caso è il cosiddetto incassamento anticipato della salma.

Spieghiamo cos’è.

Con il termine “incassamento” si intende il posizionamento della salma all’interno del cofano funebre, operazione necessaria per poter eseguire il funerale.

Nella maggioranza dei casi l’incassamento è eseguito dal personale dell’impresa di pompe funebri pochi minuti prima di  procedere alla chiusura del cofano funebre e all’esecuzione del funerale.

Ci sono casi nei quali è invece necessario procedere al cosiddetto “incassamento anticipato della salma“: in questo caso il posizionamento della salma viene effettuato in anticipo rispetto al funerale (di solito il giorno prima).

E’ di tutta evidenza che l’incassamento anticipato costituisca un onere non di poco conto per il Cliente in quanto il personale dell’impresa di pompe funebri deve “uscire” ed espletare la propria attività in due momenti diversi. Un incassamento anticipato può costare da 300,00 sino a 1.000,00 euro, con differenze di prezzo più o meno poco giustificabili.

Di fatto l’incassamento anticipato è obbligatorio solo quando vi siano esigenze impellenti di tipo sanitario; in tali casi (problematiche particolari della salma quali, ad esempio, quelli di conservazione) di fatto, l’incassamento anticipato è “imposto” e certificato da un medico.

Quindi, se non è certificato da un medico non è obbligatori e l’impresa di pompe funebri può non farlo.

L’incassamento anticipato è altresì necessario quando si voglia “esporre” la salma nella camera ardente per più giorni o quando la salma viene trasferita dal luogo di decesso in un altro luogo (ad esempio dall’ospedale a casa).

Alcune strutture ospedaliere o sanitarie, che non hanno camere mortuarie che non sono efficacemente climatizzate o hanno carenza di spazi “obbligano” spesso, di fatto, le imprese di onoranze funebri ad effettuare l’incassamento anticipato (soprattutto nei mesi estivi che sono più caldi) per sopperire alle proprie mancanze.

In tal caso la famiglia del defunto viene gravata di un costo aggiuntivo sul funerale che non dovrebbe sostenere.

Spesso le imprese di onoranze funebri non consentono ai parenti del defunto di poter scegliere e decidono autonomamente, anche quando si potrebbe farne a meno, di fornire il servizio, ovviamente includendolo già nel prezzo del funerale.

E’ bene quindi sapere che, quando non serve e non vi sono esigenze sanitarie particolari, l’incassamento anticipato può essere evitato, risparmiando così sul conto complessivo del funerale.

outlet del funerale

outlet del funerale

Scritto da

Un commento a “Attenzione a non pagare servizi aggiuntivi non richiesti: l’incassamento anticipato”

  1. Web Hosting scrive:

    In un particolare momento di dolore e tristezza, raccomandiamo di porre grande attenzione per prevenire eventuali comportamenti scorretti e non farsi truffare. Chi tenta di acquisire in modo non corretto un funerale, allo stesso modo si comportera scorrettamente sia nelle modalita con le quali fornira il servizio sia al momento di presentare il conto.

Scrivi una risposta

Messaggio